Dalle montagne olimpiche in Canada e Russia per due tornei di Giostra Medioevale

La passione sportiva maturata negli anni per i cavalli e per le antiche competizioni medioevali ha portato Salvo Manfredi, agente di Polizia Locale in servizio sul territorio dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea, a partecipare a due prestigiosi tornei di Giostra Medioevale a cavallo dove Manfredi sarà l’unico rappresentante italiano. Il primo torneo si terrà Oltreoceano, dal 15 al 21 maggio, in Canada a Osoyoos nella provincia del British Columbia. Manfredi sarà tra gli 8 selezionati atleti che parteciperanno agli internazionali in Canada provenienti sia dal continente Europeo che da quello Americano.

Due mesi dopo, dal 20 al 22 luglio, Salvo Manfredi sarà fra i 12 cavalieri che si sfideranno nei mondiali di Giostra Medioevale a cavallo a San Pietroburgo in Russia. Oltre alla Giostra a cavallo, i partecipanti si affronteranno in combattimenti a piedi full contact indossando l’armatura. I cavalli per la competizione, saranno messi a disposizione dalle organizzazioni, sorteggiati qualche giorno prima della competizione per poter essere provati dagli atleti in vista delle gare.

Le regole del gioco. Ad ogni turno a scontrarsi sono due cavalieri in sella, uno di fronte all'altro. Entrambi devono entrare in lizza al galoppo con la lancia rivolta verso l'avversario. I punti vengono assegnati solo se la lancia si spezza: 10 punti se di disarciona l’avversario; 5 punti se la lancia si spezza sullo scudo; 3 punti se la lancia si spezza al di fuori dello scudo; la squalifica se la lancia colpisce il cavallo. Le lance sono di legno di abete lunghe 4 metri con un diametro di 30mm ed un puntale in ferro battuto.

L'armatura indossata da Manfredi sarà una fedele riproduzione dell'armatura da giostra all'italiana detta "Milanese" modello B3 del 1480: l’originale è esposta presso il Santuario Santa Maria delle Grazie di Curtatone (MT). Il nome di battaglia utilizzato è quello reale della famiglia Manfredi, ossia "Don Salvatore Manfredi da Mineo". Lo stemma araldico è d'oro alla croce trifogliata d'azzurro.

Salvo Manfredi di origine siciliana, di Mineo (CT), vive da 15 anni a Pragelato (TO). In passato ha già partecipato ad eventi di livello internazionale di Giostra Medioevale a cavallo: nel 2013 in Norvegia piazzandosi al 4° posto, nel 2014 in Italia a Castell'Apertole (VC) classificandosi al 1° posto ex-equo e nel 2017 in Russia dove giunse ottavo.

"È una grande emozione ed onore per me – ha spiegato Manfredi - poter rappresentare l'Italia in un paese lontano confrontandomi tra i migliori atleti del mondo. Sarà un impegno molto duro, perché dovrò scontrarmi con dei rivali importanti e forti, sia dal punto di vista atletico che come tecnica di combattimento. In questi mesi mi sono preparato duramente e cercherò di portare a casa il miglior risultato possibile. A tale proposito vorrei ringraziare la FISE Piemonte, nelle persone del presidente Giacomo Borlizzi e del vicepresidente Cleto Canova per il sostegno e la disponibilità dimostrata anche in quest’occasione”.